Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/125

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AMOR XE 'NA SEMPLICE LUSSURIA


SONETTO


Cos'è sto amor? Più, che ghe penso suso
    Mi no posso capir da che 'l sia fato,
    Dalla bellezza no l'è certo nato,
    4Se vedo, che innamora un brutto muso;

Nò dall'era, che vedo, che 'l vien suso
    Tanto a un ragazzo, quanto a un vecchio mato
    No se puol dir da un spirito ben fato,
    8Se anca un'alocca ve fà tior sù 'l fuso.

Chi 'l chiama inclinazion, chi simpatìa,
    Per mi digo, e no credo de fallar,
    11Ch'una lussuria bona, e bella el sìa,

Perchè osservo, che quando che chiavar
    Quella Donna se puol, che se vorrìa,
    14L'amor và presto a farse buzarar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/125&oldid=60278"