Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/100

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E che quando le vien fuora
    Le xe tanto raffinae,
    Che le sà, ma de più ancora
    128Delle Donne maridae;

Tanto che la prima notte
    No credè, che le sia indrìo,
    Che le xe più franche, e dotte
    132Del cogion de so Marìo.

Da una vera onesta Dona
    Basta, che la sìa arlevada,
    Che ghe insegna d'esser bona;
    136E star salda in carrizada,

Perchè un dì no me succeda,
    Che i fioli de sta Mare
    Da bon Omo mii li creda,
    140E che pò no sia so Pare.