Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/372

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     E chi trovio là drento?
     Amor vicin al fogo
     In falda, scalmanà, che 'l fava 'l cogo.
15In vece de registri
     Ghe gera cazzarole col viglieto
     Del logo dove 'l piato era direto:
     In vece de ministri
     Moltissimi corieri,
     20Vestii da camarieri,
     Stava 'l piato a aspetar,
     Che per el mondo se dovea portar,
     E conforme che 'l gera, o rosto o lesso,
     Se tirava 'l preludio, o in ben o in mal,
     25Sul futuro sucesso
     De quela tal union matrimonial.
Per esempio un pastizzo
     Ai mii tempi per mi sarà stà fato;
     E per qualche altro mato
     30Una bona salseta,
     Che almanco da novizzo
     Gabia fato parer la goba dreta.
Ma mi me interessava
     De saver le piatanze che se usava,
     35E che più i consumava;
     E za ghe gera in vista
     A l'uso dei tratori la so lista.
     Se vedeva disposti
     Gran pastizzi, e gran rosti,
     40Gran piatanze co l'agio, e gran limoni,
     Alquanti macaroni,
     Gelatine, gran salse colorate,
     Dei fruti, pochi dolci, e gran salate.
«Cossa mai, digo alora,
     45Ghe sarà parechià per sto imeneo?»
     Vardo, esamino, cerco, e salta fora
     Un bel piato de cuor coto sul speo.
Mi 'l preludio ò capio,
     E da de là partio
     50Vel vegno, o sposi, subito a schiarir:
     «Co 'l cuor xe rosto no gh'è da che dir.»


NEL ZORNO DEL MATRIMONIO

SANDI - MENGOTI

Promemoria ai Sposi.


Ochio, sfesa e subioto, i xe tre modi,
     Che ga in uso fra nu l'agricoltor
     Co 'l zonta insieme de do piante i nodi
     Per darghe ai fruti qualità e saor:

Nè a l'orba no, ma coi principi sodi
     Del so mistier, poloni de vigor
     El va cernindo; el va scartando i vodi;
     L'unisce quei, che à simpatia de umor.

Ancuo in ste nozze xe previsto tuto;
     Vu, sposo, avè trovà la vera pola,
     Che darà co l'incalmo otimo fruto:

Altro no resta, che la scielta sola
     Del modo de incalmar co più costruto:
     Vu se l'agricoltor... savè la scuola.



PER LA PRIMA MESSA

DEL SIGNOR

FRANCESCO BERTAGNO

Soneto.


Tre xe i stati dei omeni a sto mondo,
     Celibi, sacerdoti e maridai;
     Par el più belo el matrimonio, e in fondo
     L'è giusto quel, che ga magiori guai.

Celibato el credè forsi el secondo,
     Perchè con lu no ve trovè ligai:
     Ma se un tantin nel navegar sè tondo
     Libertà va a Patrasso, e sè negai.

El sacerdozio sì, che 'l xe 'l più san:
     Lu ve procura el dolce dei do stati
     Senza missiarghe drento anca el malan;

Sposa che no ve fa deventar mati,
     Che invece de magnar la ve dà 'l pan,
     Fioi che no pesa, e paga apena nati.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/372&oldid=59452"