Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/287

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL DUBIO.


Mi, co te vedo, sento
     Un certo no so che,
     E digo che nol sento;
     4E digo che nol gh'è.
Mi, se me inchiava i denti
     Quando te voi parlar,
     E digo, i xe acidenti;
     8Digo che l'è 'l mio far.
Me cocola una bela,
     E in vece penso a ti,
     E digo che xe quela
     12Un'incostanza in mi.
No visitarte zuro,
     E so ogni sera qua,
     E credo, e son sicuro,
     16Che l'uso m'à portà.
Voi disgustarte, e sento
     Proprio che no son bon;
     Ma digo: no lo tento
     20Perchè no go rason.
Me meto anca in borezzo,
     E po so imusonà,
     Ma digo: l'è un matezzo,
     24Sempre cussì son sta.
Digo ste cosse, è vero,
     E pur no stago ben,
     E se ò da dir sincero
     28Go de l'afano in sen.
Cossa che sia sto impianto
     Voria saver da ti,
     Essendo che da tanto
     32No so capace mi;
Vorave po... eco el caso...
     No posso andar più in là,
     Tremo, barboto, taso...
     36Saravio inamorà?


LA RIUNION.


Silvia, la bionda Silvia,
     Che un tempo de sto cuor
     Xe stada la delizia,
     4Che m'à imbriagà d'amor,
Lusendo in ciel chiarissima
     La luna a mezzo istà
     Sui fiori e l'erba tenera
     8S'avea co mi sentà.
Nè 'l tempo, nè altre Veneri,
     Nè quel tremendo ,
     Avea la bela imagine
     12Mai scancelada in mi.
Fissi un co l'altro, imobili,
     Se stevimo a vardar,
     El cuor sentiva a baterme,
     16Ma no podea parlar.
Alfin co un'ose languida,
     Che ben facea capir
     La situazion de l'anima,
     20Cussì m'ò messo a dir:
Questa è quel'acqua limpida
     Che semo andai ti e mi
     A scaturar i gambari;
     24No è vero? e Silvia: — sì.
E là, da drio quei alberi
     Che la se va a stagnar,
     Xe dove che quel'anara
     28Ti m'à mandà a chiapar;
Che tropo cocolandola
     Tanta gran rabia ò bù,
     Che voleva mazzartela...
     32Te ricordistu più?
Che dopo benedivimo
     Le colere d'amor,
     Che in do nu no sentivimo
     36Che un'anima, che un cuor?
I gran mumenti, Silvia!
     Ch'i n'abia più a tornar?
     Ela un'ochiada tenera
     40Lassa su mi cascar.
Alora strucolandoghe
     La man, digo: mio ben,