Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/277

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     585Ma za Kien-Long dal più oportuno posto
     Calcola le distanze, e verso 'l colo
     De Tulan-Kin (ghe trema
     Strenzendo a dopia man la scimitara)
     Misura 'l colpo orizontal de morte;
     590E za per el teror che le pupile
     Ofusca e cambia 'l cristalin in talco,
     Crede mil'ochi e mile
     Veder la testa rodolar sul palco;
     Quando sie passi indrio
     595«Alto (esclama una voce
     Gravemente sonora) Alto,
     Signor, che non è tempo ancora!»
Ferma a mezz'aria per sorpresa 'l colpo
     Voltandose Kien-Long: e — «temerario!
     600Osa Ton-Kai?»

«Ton-Kai, Sire, non osa,
     Che a le legi ubidir!»

«Che legi?»

«Quele
     605Che da cento e più secoli
     El più grande de i popoli governa:
     Quele che un zorno el tartaro Kan-Gy
     Conquistando la China à rispetà:
     Quele che sacri e ilesi
     610Conserva, Sire, i vostri driti al trono.»

«E ste legi (che flema!) cossa vorle?»

«Gnente, Sire, che 'l giusto,
     Al gran cuor de Kien-Long sì caro sempre.
     Le comanda che prima de eseguir
     615Una sentenza capital el giudice
     Rimproveri al paziente el so delito.»

«E ben, fa le mie veci
     Ti stesso, benemerito
     Custode de le legi, e sentirò
     620Se al to zelo per queste
     Quel che ti devi al to Signor, risponda.»

«Ubidirò.»

E de fato,
     Passa Ton-Kai dall'altra parte, e fermo
     

625De fronte a Tulan-Kìn, dise cussì:
     (Lu za in chinese e in venezian po mi.)

«Perchè una voce nel to cuor sepolta
     Non osi borbotar: Moro inocente!
     L'enormità del to delito ascolta:
630Da ben vint'ani e sempre più furente
     L'empio Tan-Ky con verga ferea acuta
     Sferzava 'l cuor de la China gemente!
Cieca barbarie o insania dissoluta
     Fava le veci de l'onor in corte:
     635Sordo gera 'l dover, la virtù muta!
Tronca l'ira del ciel sì dura sorte,
     E abandona 'l tiran, vitima lenta
     D'ogni abuso moral, in brazzo a morte.
Va sul trono Kien-Long. Se ghe presenta
     640Giustizia, umanità; pianze 'l so scorno,
     Lu le conforta, e a i so fianchi le senta.
L'altre virtù ghe fa corona intorno,
     Lu le consulta 'l dì, vegia le noti
     Con ele a riparar i guai del zorno;
645Trema comossi i suditi divoti
     Per la salute de l'eroe chinese,
     E mile manda al ciel fervidi voti,
Perchè cure sì gravi, e mai sospese
     Da qualche diletevole ristoro,
     650No richiami po un dì le antiche ofese.
Devasta i campi furibondo un toro?
     Sbalza in sela Kien-Long, doma è la fiera.
     Chi lo porta al trionfo? Brigliadoro.
Lieto de la comun letizia vera
     655Da quel zorno Kien Long per le foreste
     Cala contro le belve la visiera,
E sul prode ronzin le fuga o investe;
     Cussì svaga 'l pensier e lo ristora
     Da le cure del trono più moleste.
660Ma no lassando senza premio un'ora
     Zelo e valor ne le caste più basse,
     De tanti fregi el so destrier decora,
Che, forsi (perchè mai no l'invidiasse
     De Caligola i doni e fasci e scure)
     665Forsi un dì, mandarin de prima classe...
Ma non osi profane congeture
     Tocar el sacro impenetrabil velo
     De le sublimi auliche idee future!
Sto genio equestre delegà dal cielo,
     670A l'imperial virtù caro conforto,
     Gera afidà, Tulan-Kin, al to zelo;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/277&oldid=59682"