Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/187

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


EL VIN FRIULARO.


DITIRAMBO.


Fra tante bele cosse
     Che natura al mortal dispensa e dona,
     La prima, la magior, la più ecelente,
     Che no la cede a gnente,
     5E che superba va per ogni logo,
     Perchè tuti la vol, tuti la brama,
     Onorada da tuti
     Qual celeste regalo soprafin,
     Ch 'l cuor uman consola,
     10Son certo, nè m'ingano, la xe 'l vin:
Sì, xe 'l vin quel dolce netare,
     Che consola, che dileta,
     Quela zogia predileta,
     Che brilante fa ogni cuor.
15Lu xe 'l fonte d'ogni giubilo,
     De la pase e l'armonia;
     Ogni mal lu para via,
     Lu bandisce ogni timor.
Ma fra i vini el più stimabile,
     20El più bon, el più perfeto
     Xe sto caro vin amabile,
     Sto friularo benedeto1
Lu ga i gusti più stupendi,
     Tuti i odori sontuosi;
     25No ga vini el Benintendi2
     Del friularo più preziosi.
Viva sempre la memoria
     Del famoso Giulio Cesare,
     Ghe à portà sto vin in Udine
     30Da paesi lontanissimi:
     Vin che dopo molti secoli
     Trasportà da man benefica
     In sto nostro clima docile,
     In sta tera cussì fertile,
     35Xe riussio, secondo mi,
     El più bon dei nostri dì.
Su via donca alegramente
     Tuti toga el goto in man,
     E bevemo fin doman
     40De sto vin cussì ecelente,
     Su via tuti alegramente;
Vegna in qua bozze e bozzoni,
     Ingistare e botiglioni,

     Canevete e bariloti,
     45Zuche, fiaschi, scuele e goti;
     Vegna pur sechi e mastei,
     Vegna bote e caratei,
     Damigiane e madalene
     De friularo tute piene,
     50E bevemo,
     E trinchemo,
     Tracanemo
     Sto bel sangue vegetabile,
     Sto prezioso oro potabile.
55Benedeto:
     Che dileto,
     Che piacer! mo che gran gusto
     Che mi provo co te gusto!
     Co te gusto, caro ben,
     60D'alegrezza mi son pien;
     Co te bevo mi me sento
     Tuto giubilo e contento.
Guai se fusse una dona... pofardia!
     Digo la verità, no conto frotole,
     65Per bever de sto vin mi ghe daria
     La scufia, el busto, el capotin, le cotole.
Bastonà,
     Sculazzà,
     Morsegà
     70Da una vechia senza un dente,
     Più rabiosa d'un serpente
     Sia colù che no 'l ghe piase,
     E la pase e 'l dolce giubilo
     Vaga fora dal so cuor;
     75Ma indorà
     Carezza,
     Cocolà
     Da una cara gnognoleta
     De sto amigo amiga streta
     80Sia colù, che sempre coto
     Da la sera a la matina
     Xe più duro del biscoto
     Xe più negro d'una tina,
     Sia colù, che ghe ne ingiote
     85In t'un ano diese bote.
Diese bote! xe anca poco,
     Ò parlà cussì da aloco;
     Mi le bevo in manco assae.
     Se vedessi che trincae
     90E po, gnente, steme atenti
     Se volè restar contenti.

  1. Vino nero squisito, che si raccoglie in Bagnoli, villa del territorio padovano, dove la illustre famiglia Widmann ha molta parte delle sue rendite.
  2. Era negoziante di vini forestieri in Venezia.