Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/100

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


Sonetto II.


Quel grand'Omo, quel spirito elevato,
    Quel genio cussì puro e cussì belo
    El xe messo, e serà drento un castelo,
    4Nè gnissun puol saver più del so stato.

Ma potenza de Dio! Coss'halo fato
    Ch'i l'à tratà cussì, com'un ribelo,
    No i puol tocarlo in tel onor d'un pelo,
    8Che l'Omo non ghe giera più onorato.

I gà tiolto col meterlo là drento
    E fama e libertà, cossa de più
    11Ghe podeveli tior in t'un momento?

Ma i fazza pur quelo ch'i vuol de lù,
    Ch'i lo fazza morir anca de stento,
    14Ma mai no i ghe tiorà la so vertù.


SULLO STESSO ARGOMENTO.


Sonetto III.


Chi dise, che xe scrito per dies'ani,
    Chi per do, chi per cinque, e chi per mesi,
    Posibile che tuti sia scortesi,
    4Nè ghe sia chi me cava de sti afani!

Ghe chi dise: in sta Banca i xe più umani,
    I lo soleverà da tanti pesi.
    I Coretori i xe tuti cortesi
    8I vorà risarcirlo dai so dani.

Altri dise: credèlo, me dà 'l cuor
    Che 'l Tribunal lo chiamerà de quà;
    11E chi, intrometerà un Avogador,

Tuti in suma, che presto 'l vegnerà,
    E che 'l sarà rimesso nel so onor,
    14Ma infratanto el mio ben a morte va.

PER LA LIBERAZIONE DEL MEDESIMO.92bis


Sonetto IV.


Come, se dopo una gran longa piova
    Vien fuora 'l Sol a rischiarar el cielo,
    De quel, ch' 'l giera, el par assae più belo,
    4E par, che più 'l ne piasa, e più 'l ne giova;

Cussì al Querini dopo una gran prova
    De la so soferenza in t'un castelo
    El par che con un spirito novelo
    8Cosse più bele e niove ancuo 'l ne muova.

Ma come chi xe in porto più no sente
    La gran paura ch'ha soferto in mar,
    11Vede quel, che xe stà, nè vuol dir gnente,

Cussì lu del passà nol vuol parlar,
    E 'l manda anca i so amici quietamente,
    14S'i ghe ne parla, a farse budelar.


SULLA MOLLEZZA DEI VENEZIANI.


Sonetto.


Estinguendo se và tanti riconi,
    E cresce sempre più la povertà,
    Le gran teste mancando se ne và,
    4E no resta de qua se no i minchioni.

Se de quei tanti gran politiconi
    Qualche residuo ancora xe restà
    I minchioni xe in tanta quantità,
    8Che i supera quei pochi, che xe boni.

No se pensa ch'al'Ozio, al lusso, al ziogo,
    E i libri che se studia su la sera,
    11Xe 'l mazzo de le carte o quel del cuogo.

Deboto no ghè più zente da guera,
    E, se ghe n'è, questi no ha visto 'l fuogo,
    14Come puorla durar in sta maniera?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/100&oldid=61380"