Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/327

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Fra Marcantonio e Cesare Otaviano,
Nel qual el primo per so gran deliro,
E in conseguenza per so imenso dano,
De la bela Cleopatra inamorà,
Anzi fora dei modi inasenio,
470Vedendola a scampar, da disperà
Co la so nave ghe ze corso drio,
Come, le me permeta,
Per bezzi corarave ogni poeta,
Lassandoghe cussì, l'è pura storia,
475Al secondo completa una vitoria,
E in conseguenza el gusto
Senza dificoltà
De vegnir proclamà
Cesare Augusto;
480No quelo de la Boina strepitoso,
Che Giacomo secondo spaventà,
Vedendo el so nemigo vitorioso,
In Pranza ze scampà
Vestio da dona,
485E i Stuardi ga perso la corona;
No el tremendo condito a san Quintin
Nel qual se conta el fato,
Che 'l principe Culin,
Strategico in quei tempi rinomato,
490Corendo a più non posso
De negra note in piena ritirata,
S'à negà drento un fosso