Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/311

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


E casa de campagna,
Che no gh'è la compagna
Nele contrae beate
20D'Elicona,
Dove benchè tosate
Tute da maridar
Fè quelo che pol far
Qualunque dona,
25Godendove l'istà
Per rinfrescarve
De andar spesso a bagnarve
In piena libertà
Nuando da sirene,
30E una o l'altra metendoghe el mistrà
Nele aque tranquile d'Ipocrene,
Che come una madera,
Come un'ambrosia vera,
I poeti valenti
35Se le beve da ingordi col mastelo
Per digerir i gastrici potenti,
Che ghe agrava spessissimo el cervelo,
E dopo infervorai,
Del Pegaso montai
40Sora la gropa,
I va de gran cariera,
A rischio che i se copa,
Sul monte dove i spera
Co la chitara al colo,
45

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/311&oldid=64322"