Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/304

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Per ore co le ore
I nostri eroi
465Ze dove che più ocore
Atenti ai fati soi,
Dando e tolendo suso
Tutiquanti d'acordo
De quele pache che no ze più in uso,
470Dei pugni tali che li sente un sordo,
Sinchè dai, tira, para,
Sucede 'l parapiglia,
No ga più fren la gara,
L'ordine se scompiglia,
475Nasce la confusion,
E in mezzo d'un concerto
De pugni a profusion,
Che ve l'acerto
Par tante canonae,
480In mezzo le scalzae
De quei veri animali,
Che senza esagerar
Nissun ga da invidiar
Mussi e cavali,
485Fra tanto tananai,
Che tuti ga ridoto
Più o manco sasonai
Da quela nova specie de saroto,
Chi resta senza fià,
490Nè pol più dir parola,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/304&oldid=64315"