Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/264

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che isporca pur la carta
Chi cerca ai altri procurar la noja
75E per Tebe e per Sparta
E per el fogo che à distruto Troja;
Che i schinca pur le pene
Per la so antica Atene,
Per Roma, per Corinto,
80Per Gaeta,
E per el laberinto
Tanto famoso ch'esisteva in Creta,
Nel qual, per quanto scrive un certo Ilario,
Persona molto colta,
85S'à sin perso una volta
Belisario.

Descriva chi vol dar lizion morali
I spasemi mortali,
l palpiti del cuor
90Generai dal pudor
De Lugrezia romana
Nei tropo fieri istanti
Che quela bona lana,
Quel baron,
95Armà el bisogno, ghe ze andà davanti,
Chi sà con che intenzion;
Che ghe fassa la zente de conscienza
L'elogio a la pazienza
Singolar,
100Che la casta Susana, povareta,