Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/263

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


45No sempre, ma assae spesso,
Certi afari i se sà per esperienza.
No celebro la roca
Su la qual per amor de la so bela
Ercole, come un coca,
50Filava note e zorno canevela,
Trovando veramente
Che nissuno sta cossa
Qualificar la possa
Sorprendente,
55Perchè, chi no à provà,
O almanco chi no sà
Quando el rifleta,
Che possede per l'omo la morosa
Una susta secreta
60E prodigiosa,
Una specie diria de trabocheto
Da sconcertarghe i nervi del cervelo?

No canto el piangisteo de quel tamburo,
Che co' l'è stà sicuro
65De aver da so muger soferto un torto,
Dei costumi ignorante,
Da la passion l'è morto
Su l'istante,
Se za al zorno de ancuo sarave molti
70Apena maridai beli e sepolti,
Anzi ghe saria tanti,
Che morirave avanti.