Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/250

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


185Indove che de istà
Qualche ora del dì ti è destirada,
Sia benedeta la carega che
Col to bianco dadrio ti sta sentada
E benedeto sina el to retrè,
190Del qual, te lo confesso in gran secreto,
Invidiar la fortuna son costreto.

Benedeto el vestiario che ti ga,
Ma sora d'ogni ogeto benedeta
Sia sempre la camisa che te sta
195Pusada in ogni parte più secreta,
Che te coverze e toca
Ti me pol ben capir,
Mi no lo posso dir,
Go l'aqua in boca;
200Benedeti che sia de ti, mia Cate,
I stivali, le scarpe, le zavate,
La tera che ti sapi,
Le cosse che ti chiapi,
El cibo che ti ingioti,
205E deboto diria,
Se no i fusse stramboti,
La roba digeria.

Benedeto quel muso da barona,
Benedeti quei ochi e quela boca,
210Benedeta sia tuta la persona,
Dove se manifesta, anzi traboca,
Le grazie più squisite, e ne fa fede

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/250&oldid=64263"