Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/226

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


El me porta via el paneto
E che alora sia costreto,
Dopo tanto che ò strussià,
20De cercar la carità,
Perchè a dirla ingenuamente
Se i me tol sto ministero
Resto un vero
Bon da gnente,
25Per aver, dachè son nato,
A sto mondo
Sempre fato
El vagabondo.

Aciò el caso no suceda
30De ridurme miserabile,
Presso Giove la interceda
Che sia messo in pianta stabile;
Za per ela, mi lo sò,
E sò anca la rason,
35No l'è bon
De dir de no; —

Ma so mare navegada
Ghe risponde a sta filada: -
Sì ze vero, sò anca mi,
40Sò anca mi che quel putelo