Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/199

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Volentiera me ne incarico,
Perchè go qualche rason
Da conoscer quanto misera
300Ze la vostra situazion;

Andè a casa, no fè chiacole,
Che doman sonè sicuro,
Cerchè intanto co le femene
304Ben o mal de tegnir duro,

Procurè de persuaderle
Che gh'è molto da sperar,
E mostreghe senza scrupolo
308In che stato ze l'afar;

Che se mai podessi farghelo
Se sol dir tocar co man,
No sarà gnente dificile
312Farle taser sin doman.

Adio dunque, a bon revederse,
Andè la, no ve angustiè,
Che a cercar mi coro ilico
316La maniera che sonè. —

Dito fato, el dì drio subito
I batochi s'à molà
E le corde da quei satrapi
320Tanto aforte s'à tirà,

Che costrete è stae le femene,
Per paura che i ghe guasta
Le campane dal gran sbaterle,
324Afanae de dirghe basta;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/199&oldid=64223"