Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 3.djvu/193

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Come al limbo, a ca del diavolo,
Semo qua, Dio nel perdona,
Sgangolindo e consumandose
132Da la vogia che i ne sona,

Trascurae dai nostri omeni,
Che nel barbaro frangente
Per trovar qualche rimedio
136No ga pronto l'espediente;»

E no basta che sti termini,
Ste espression le vegna usae
Con un ton che rompe i totani
140Da le done maridae,

Ma anca sin le pute zovene,
Le bardasse, ga el coragio
Co una strage de rimproveri
144De tegnirne sto linguagio;

Velenose quanto el tossego
Le ne trata da zuconi,
Le ne dise coram populo
148Che da gnente semo boni,

E più d'una dei spropositi
Cussì grandi proferisce,
Che fingemo de no intenderli,
152Ma pur tropo i se capisce;

Le se val de certi epiteti,
Che ripeterli no posso
Senza ofender la modestia,
156Senza in viso farme rosso;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_3.djvu/193&oldid=64217"