Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 1.djvu/285

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Per el quarantadò promete 'l cielo,
     Seguindo scrupoloso l'espediente
     Da più ani adotà
     Felicemente
     De abandonar ogni prolissità,
     E senza che una silaba me avanza
     Parlar su l'esenzial, su la sostanza,
     Perchè gnanca sta volta
     Vogio che se indormensa chi me ascolta,
     Ma invece che a Nalin
     Grazie i ghe diga co i ariva al fin;
     Perchè per un mio pari,
     Nela scienza che frato professor,
     I meschini detagli da lunari
     Farave poco onor;
     E po per la rason
     Che s'anca la facesse da schieson,
     Col spifararve qua minutamente
     Tuto quel che dir suso podaria
     Sie mesi lavorando assiduamente
     Gnancora i bastaria,
     Se la carta che mi go consumà
     Solo l'ano passà
     Per far la descrizion
     Precisa esata
     De le mie osservazion
     M'à deboto impenio la ritirata.
In base a sti motivi ragionati,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_1.djvu/285&oldid=58011"