Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 1.djvu/153

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Anca là ghe ze piove, ghe ze venti,
     Ghe ze neve, tempeste, gh'è sioni,
     Gh'è teramoti e rote de torenti,
     Gh'è saete, gh'è lampi, ghe ze toni,
     Ghe ze fredo da far bater i denti,
     Ghe ze caldo da oprimer i polmoni,
     Gh'è calighi, gh'è brose e tuto quelo
     De cativo e de bon che manda el cielo.
I ze dunque lassù
     A quela condizion che semo nu
     In sta vale del pianto,
     E questa ze la prova più sonora,
     Che sina nela luna ze stà spanto
     El vaso scelerato de Pandora,
     Val a dir che anca là risente l'omo
     I tristi efeti generai dal pomo.
Dopo de ste pazienti osservazion,
     Che tanto più go fato volentiera
     Se cussì son venudo a cognizion,
     Che influenza direta
     Ga su la nostra tera
     Quel pianeta,
     Col favor de sta utile scoperta,
     Ch'essendo più che certa
     La ghe dà scacomato
     A tanti e tanti
     Sistemi stravaganti,
     Che ze comparsi fora ogni qual trato

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_1.djvu/153&oldid=57678"