Pagina:Pronostici e versi di Camillo Nalin 1.djvu/105

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     El zorno dopo che la ze cascada
     De andar fora de casa
     Rischiar se podarà
     Senza paura
     I omeni che ga
     Dodese bone quarte de statura,
     E i picoli sarà necessitai
     A star dove i se trova sequestrai.
Per setimane intiere
     La bora supiarà teribilmente,
     Vegnarà ogni qual trato levantere,
     Che ghe farà far tombole a la zente,
     E che alzarà le piere
     Come che mi alzarave un curadente,
     Fando desio dei scuri
     Che pestarà sui muri,
     E butarà in boconi
     Le lastre dei balconi.
Dal principio d'inverno al terminar
     No ghe sarà zornada
     Che no vegna a secar
     O neve o piova opur roba giazzada;
     La note squasi sempre tenebrosa,
     E se per caso ghe sarà le stele
     Cascarà zo una brosa
     Da doparar le ombrele.
La laguna dal giazzo
     Sarà come un terazzo

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Pronostici_e_versi_di_Camillo_Nalin_1.djvu/105&oldid=57404"