Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/68

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'INCONTENTABILITÀ


MADRIGALE


Vedo una dona, e come cosa bela
     No posso far che no ghe n'abia vogia;
     E se oltre la belezza
     Ghe trovo gentilezza
     Tanto più fisso el desiderio in ela,
     E in mì sento un ardor ch'el par un bogia.
     E sto fogo e sta doja
     Par che me cressa più
     Se un'altra à più belezza e più vertù;
     Cussì de man in man
     S'una me piase ancuo, l'altra doman.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/68&oldid=68061"