Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/63

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'INVITO


Fia mia, viseto belo, inzucherà,
     Daspò ch'ò inteso che vegnì sta sera,
     Son vegnù belo e son muà de ciera,
     Che paro proprio un persego mondà.

Sia lode a Amor, daspò che 'l mio mezà,
     La mia corte, el mio orto, e la letiera
     Poderà dir da seno e da dovera:
     Sì che 'l nostro paron xe fortunà.

Vegnì in bon'ora, caro el mio conforto,
     E caso mo che me dessi l'impianto
     Doman sentirè a dir: l'amigo è morto.

El desiderio che ò de vu xe tanto,
     Che no vegnindo me faressi torto
     E certo restarìa col cuor infranto;
                     Son de miel tuto quanto
     Daspò che ò abù da niovo che vu, fia,
     Ve degnarè vegnir in casa mia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/63&oldid=68053"