Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/62

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA LONTANANZA


Aveva el cuor tra l'alegrezze e 'l riso
     Quando soleva inanzi andar de fuora,
     E quando che tornava, in mia malora;
     Me parerà partir dal paradiso.

Adesso mo, che son via da quel viso,
     Che me nete sul cao la dalaora,1
     Maledisso dolente el ponto e l'ora
     Che m'à da tanto ben, gramo! diviso

Là l'aqua me pareva de cristal,
     I campi che ridesse, e la Natura
     Me fesse inanzi i ochi un cameval;

Adesso torbia me par l'aqua e scura,
     E vedo quel che vedo per mio mal
     Senza la cara angelica figura!

  1. Sorte di manaja, stromento noto fra gli operai dell'Arsenale.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/62&oldid=67909"