Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/54

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


IL VERO AMORE


Come d'una cigala o una gazuola
     Resto un'oca o un aloco in un momento!
     Mò che soleva aver cianze per cento
     Sto un'ora a mendicar meza parola.

No se pol rampegar su per la gola
     Le pene, nè 'l dolor che sento drento,
     Son giusto come un puto malcontento
     Se 'l vien chiapà a ziogar dal mistro in Scola.

Cussì davanti a quela luse viva
     Mile rason che avea prima sì pronte,
     Reverenza e timor le retegniva;

Alfin conversi l'una e l'altro in fonte,
     In liogo de la ose, me vegniva
     Le parola bagnae fuora dal fronte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/54&oldid=67894"