Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA RISOLUZIONE


Vu savè pur se xe do' mesi e più
     Che vegno, a vostra istanza, ogni dì qua;
     Vu savè pur se son inamorà
     E s'amo Fia più bela altra che tu.

Tu savè molto ben se ve ò vogià
     Più ben a vu che a chi ve à generà;
     Savè se quando m'ave domandà
     Mi son levà de meza note su;

E adesso mo che ve domando, che
     (E tuto quanto el zorno ve son drio)
     Amè el vostro meschin, vu mel neghè?

Ben, za che no ve curè del fato mio,
     E che tanti mii preghi no stimè,
     Mi ve n'incago, e sì me cazzo in rio.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/43&oldid=67850"