Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 1.djvu/92

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



6No star co mì su zonti e su novele,
     Che zioghi al tristo a darme a mi la bagia;
     Che te cognosso infin in le buele
     E de quel che ti xe so fin 'na pagia.
     Va, va a zogar sti ponti da cilele
     Con chi no sa che ti sia de sta tagia,
     O altrimenti i basi e le carezze
     Poderàve voltarse in gran straniezze.

7Co' la me monta son un mal bigato;
     Grami po' in quela volta chi se cata!
     Oh se sa pur quante che ghe n'ò fato!
     Però, mia Cate, no essere sì mata,
     Che a un mio par, a un omo cussì fato
     Ti vogia mostrarte de sì mala schiata;
     Falo per el to megio, e se per sorte
     Ti nol fara, ti sarà grama a morte.

8No te fondar col dir: Sia lode a Dio
     E son rica, e son bela, anema mia;
     Perchè un cervel gagiardo co' xe 'l mio
     Pol farte in oto dì grama e falìa.
     Se vorò, chi sarà che per sto rio
     Osa passar che 'l no abia una ferìa?
     Oh se me salterà la moscarola
     Te lassarò co una farseta sola.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_1.djvu/92&oldid=64123"