Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 1.djvu/80

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



183A questo Giurco subito respose:
     Mi ghe perdono, brigae benedete,
     E s'el trovasse con i pie in le buose,
     E con le man ligae co le manete
     Mi no l'ofenderìa; se con la vose
     Sola podesse far le mie vendete
     Nol voria far; anzi ve prego tuti,
     Zoveni e vechi, garzonati e puti,

184Che daspuo che la cossa sì xe fata,
     Dio ghe perdona a chi xe sta cagion;
     Fè che la pase sia tra vu refata,
     E vivè come prima in union;
     Feve piaser l'un co l'altro a regata,
     Che questo è de l'amor el paragon;
     Tanto che se stupissa le brigae
     A veder in vu tanta caritae.

185No ve ostinè con dir, che i Nicoloti
     Sia de vu più deserti o più poltroni,
     Ch'anca tra i nostri ghe xe dei merloti;
     E cussì d'essi che no xe minchioni.
     Tuti a la fin no semio patrioti?
     Cressui in sti campì, ste cale e cantoni?
     Tuti semo stampai d'osse e de carne,
     Niente dovemo più de altri avantarne.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_1.djvu/80&oldid=64112"