Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 1.djvu/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



21Tuti criava: dai, dai, dai!
     No fu mai vista la più bela zufa.
     Sul Ponte gera Taco da un dei lai,
     Che ve so dir ch'el cavava la mufa
     Dai schinchi a certi sbrichi calefai,
     Dei primati che gera in sta barufa.
     Zonfeto a Tari tira d'un fendente
     Sul muso che de boca ghe va un dente.

22Tari per questo no l'andava zoso;
     Ma co la vesta in cao se cazza soto,
     Propio come faràve un can rabioso,
     Tanto ch'a più d'un par l'à 'l muso roto;
     De far vendeta el gera sì ansioso
     Ch'el saltò zoso dal Ponte a pie zoto,
     E tuti i so' compagni el seguitava;
     E ve so dir che le man se menava!

23Gran rumor gera su la fondamenta;
     Tuti criava: Tornè in drio, canagia;
     In bagno ghe n'è andà fursi da trenta;
     Nè fu mai vista la più bela bagia.
     De questo Tari za no se contenta,
     Ma a vose piena, come quei che sagia:
     Ve la farò scontar, Gnati poltroni,
     Fursi con altro un dì che con bastoni.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_1.djvu/26&oldid=64054"