Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/94

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




IV.


     Dime Baldo, ci l'è che te destira
quel gran ninsol de neve comodada?
Impresteme le rime che respira
anca mi de quel'aria imbalsamada.

     Dime ci à fato l'Adese che gira
soto i to oci sempre par 'na strada;
dime ci l'è quel lago che sospira1
come el sen de 'na dona inamorada!

     L'è quasi sera e el Baldo no rasona
parchè taca 'na stela a far la spia:
nel me sarvel gh'è tuta 'na corona

     de gran pensieri che no va mai via,
e nel me cor gh'è un campanil che sona
le so campane de malinconia!

  1. quel lago che sospira: l'autore allude al lago di Garda