Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/87

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Vecio molin


     El par un vecio de quei proprio in fine;
de quei veci che a stento i se tien su;
che 'l par che i diga1 tute le matine:
4Forsi, doman, no ghe saremo più!

     El piega da 'na banda2 e su la ruda,
gh'è quatro pale che le fa pecà;3
gh'è le cadene strache, che le suda,
8parchè deboto4 no le g'à più fìà.5

     Davanti a lu, vestidi de farina,
che de sponsar no i trovarà mai ore,
gh'è i molini che i pensa a far musina,
12par comprarghe 'na torsa6 quando el more!

  1. diga: dicano
  2. da 'na banda: da un lato
  3. pecà: compassione
  4. deboto: quasi
  5. fià: fiato
  6. torsa: torcia