Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/61

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


La me bionda


     Son su la porta e speto;1 l'è matina;
passa la gente in pressia2 e l'è bon'ora;
se sente ancora l'aria fresca e fina;
passa de corsa e svelta qualche mora.
5Me sbalsa el cor come sbalsasse un'onda...
lassèla star, che passa la me bionda!

     Son su la porta e speto; l'è de sera;
gh'è poca gente in strada e su i cantoni
s'à apena desmissià tuti i lampioni.
10Vedo spontar in fondo un'ombra nera;
me tègno el cor parchè no 'l se confonda,
me taco a brasso e via co la me bionda!

  1. speto: attendo
  2. in pressia: in fretta