Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/44

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


A 'na putina


     Bela putina, dal bochin de rosa,
co i to cavei incaneladi e biondi,
da i oci neri, così bei rotondi,
che i cose 'l cor par farlo andar in mòsa;

     posso saver parchè te te confondi,
se mi te guardo o te voi dir qualcosa?
Vuto farghe anca ti da parmalosa,
che fra do smorfie quel facin te scondi?

     Ghetu forsi paura de stracarli
quei ocieti che i brusa come stissi?
O pensito canaia de salvarli,

     così rotondi, così neri e bei,
così incassadi ben soto i to rissi,
par far deventar mati sti putei?