Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



     via sensa strussie1 in meso a la campagna
co l'aria che me sbisega le rece,2
che a poco a poco el par che la me magna
12tuti i fastidi e le magagne vece;

     e pedalando, sento che a i zenoci
gh'è andada via la convulsion de paca,
e po' girando più pulito i oci,
16sento la testa che no no l'è più straca.

     Vedo lo margarite in meso al verde
che le me dise tanta poesia,
e un fosseto distante che 'l se perde,
20che 'l se fa vedar par scaparme via.

     Vedo de spianso qualche fila intiera
de pigni verdi, driti e sempre alerta,
e i piloti che i resta lì de piera,
24quasi incantadi co la boca verta.3

  1. sensa strussie: senza pensieri
  2. rece: orecchie
  3. verta: aperta
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_veronesi_(Giovanni_Ceriotto).djvu/30&oldid=63952"