Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/109

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




II.


     Con quele spale che g'à serti scati,
quei scati de ambission e de pretesa;
con quel ridar che mostra i denti nati
in te 'na boca fata de sieresa:

     la se inzenocia a torno a la fontana,
la rebalta ne i sesti la verdura,
la le resenta e la le fa più sana
soto quei polsi che no g'à paura,

     e da la testa i so cavei de oro
i manda fora tuto el so saor,
sèra quei oci bionda che al to moro
ghe se rebalta i scrupoli nel cor!