Pagina:Poesie veronesi (Giovanni Ceriotto).djvu/107

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.




I.


     Prima che da le tane de le case
i colombi se sveia a i primi ciari,
soto i nidi de passare che tase,
de rondine che dorme su i granari;

     prima che 'l sol pitura le cornise
del palasso Mafei e la fontana
manda un udor de tera e de radise
bagnade soto i colpi de acqua sana;

     prima che se desmissia le boteghe
co le vetrine che se fa stimar,
dove cominsiarà tute le beghe
de le donete che se fa imbroiar: