Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/101

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Che i vada pur sti bravi zarlatani
     A vender el so balsamo la sera
     Da qualche vechia piena de malani
     Bandia capitalmente da Citera,
     Che civeta d'amor nel fior dei ani
     Adesso ai leterati ghe fà ciera,
     E a forza d'arte in mostra la ghe mete
     De biaca impastrochiae le quondam tele.
A mi certo no rege la pazienza
     Destarco sti omenoni in compagnia,
     Che pur tropo ò capìo per esperienza
     Che no regna tra lori l'alegria,
     Che academia se fa d'impertinenza,
     Che i manca de bon cuor, de cortesia,
     E che se no i gavesse visi umani
     I se morsegaria pezo dei cani.
Fra tante istituzion, filomonari,
     Cossa megio de questa s'à mai dà
     Che signori, e spiantai, colti, e somari
     Aceta in fratelanza, in libertà?
     E ve lasso pensar, amici cari,
     Se m'à dolesto el cuor l'ano passà
     D'esser da l'acque relegà in Bologna
     Famosa per la peste e per la rogna.
Uno l'ogeto xè che quà ne move
     Che ne chiama sto zorno a celebrar,
     Che de dolcezza un netare ne piove
     Finchè semo capaci de chiavar,
     Che in gringola è fin messo el padre Giove
     (Adesso bon apena da licar)
     Co el vegniva a putane zò dal cielo
     Vestio da manzo, o in abito da oselo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/101&oldid=58144"