Pagina:Poesie Veneziane Sul Filosofo Inglese.djvu/26

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Cossa voleu ch'el fazza? La dona ghe fa un pato
     Che se più el la volesse lo stimerave mato.
85No se pol dir che amor per questo più no 'l senta;
     Ma impossibile strada solo che più no 'l tenta,
Che no 'l vol una statua de carne senz'afeto,
     Una dona scontenta che lo tol per despeto;
El strenze i denti, el cede; co' se sente quei pati
     90No pol andar più avanti altro che i cani e i gati.
Chi cussì scrive, insegna; ma semo avezzi adesso
     Che ne piase in comedia l'amor che va a l'ecesso;
Volemo che 'l produga dei casi stravaganti,
     Insoni, strambarie, spade, veleni e pianti;
95In soma, co' no gh'è la maravegia estrema,
     Solamente salvada a l'epico poema,
La comedia se sprezza, e subito se sente:
     Qua no ghe xe acidenti, qua no se impara gnente.
No dubitè, che presto tornarà su la scena
     100Del Loiola sepolto la statua che va a cena;
Vedaremo in tre ore un puto nato in cuna,
     Cressù, fato teror de l'otomana luna,
Liberator del pare in oscura preson;
     Torna Lopez de Vega, e torna Calderon.
105Andemo sì, ghe andemo per quela storta strada,
     E za st'ano la scena xe mezza inspagnolada.
Co st'idea de belezze fora del natural,
     So che de la Brindè l'amor andarà mal,
E xe assae se lodemo che un amor delicato
     110In un cuor vertuoso xe per la virtù nato.
Co' tal grazia se spiega, e co sostenutezza,
     Xe assae che al so spiegarse el maestro se aprezza.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_Veneziane_Sul_Filosofo_Inglese.djvu/26&oldid=63738"