Pagina:Nuove rime veneziane di guerra e di pace.djvu/79

Da Wikisource
Salta a ła navigasion Salta a ła riserca
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.
ALLA CONTESSA ANNINA MOROSINI


Anina, se i ani
che tuto destruse
xe stai cortesani
4coi oci che sluse,

e se tanto bela
al mondo parè,
se come la stela
8più ferma brilè,

se de la Feniçe
sentàda in palchèto
vu sè el più feliçe
12vivente dileto,

xe çerto per l'aria
che avè respirà
in sta straordinaria,
16divina Çità. —

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Nuove_rime_veneziane_di_guerra_e_di_pace.djvu/79&oldid=72270"