Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/4

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



Vien che sto compare se amala, ma se amala fortemente. La signora se buta in tanta desparazion, che so marìo ghe tendeva sempre a predicar: — «Vustu, amalarte anca ti par el to compare? Bisogna darse pase, parchè tuti semo par quela.» —

Andemo, che sto compare el mor. Ela che sente la morte del so compare, sempre più la se apassiona e la se dispera, in fin, zà, che la se mala anca ela. So marìo che vede che la se buta in tanta desparazion, se mete in sospeto che la gavesse avuo qualcossa co sto compare; ma lu no ’l la molestava mai per no darghe dispiasser, e el fava da filosofo. La camariera stava sempre acanto a sta signora, e sta signora ghe dise: — «Aricordite, che se gavesse da morir, vogio che ti gabi da esser sempre ti sola a farme guardia, parchè no vogio nissun altri.» — E la camariera ghe dise: — «Adesso no la pensa a la morte, ma la pensa a guarir.» — Ma la parona vol che la ghe imprometa, e sta camariera la ghe impromete.

Passa ancuo, passa diman, passa diman l’altro, e sta signora stà sempre pezo e sempre pezo, in fin che, zà, la xè morta. Se se pol imaginar so marìo che dispiasser ch’el gà provà. Anca la camariera e i servitori gaveva un dispiasser grando, parchè la parona la giera ’na bonissima signora.

Sti servitori ghe dise a sta camariera: — «Vorla che ghe stemo nualtri a farghe vegia a la signora?» — Dise la camariera: — «No, parchè la m’à lassà in testo che la vegià ghe la fazza mi, e no altri.» — Ghe risponde lori: ― «Basta! Se ghe ocorarà qualcossa, la sona la campanela, e saremo pronti a quelo che la vorà.» —

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Leggende_fantastiche_popolari_veneziane.djvu/4&oldid=65710"