Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/3

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


LEGGENDE FANTASTICHE
POPOLARI VENEZIANE




AVVERTENZA

Le leggende sono precisamente tal quali si raccontano dalle donne del popolo, essendo state riportate in iscritto mentre si narravano appunto da taluna di queste; nè alla loro dicitura primitiva e spontanea è stata tolta, aggiunta o cambiata sillaba.




1. — De una comare e un compare de San Zuane1 che i conversava in fra de lori.


Quà in Venezia ghe xè ’l costume che se crede che no xè tanto pecà a conversar fra fradelo e sorela e fra pare e fia, quanto a conversar in fra compari de San Zuane.

E quà in Venezia, Dio sà quanti secoli xè passà, ghe giera un signor e ’na signora, marìo e mugier, parsone riche assae. Dunque, frequentava in casa de lori un compare de San Zuane. Dài un giorno e dài l’altro, vien pò ’l momento ch’el compare conversa co la comare in scondon, che se sà, de so mario. Sta signora tegniva ’na camariera, e sta camariera giera al ciaro de tuto. Unde un giorno ghe dise sta signora a la camariera: — «Tasi, e ti vedarà che ti te ciamarà contenta de mi. A una morte mia, ti sarà giubilata de un talaro al giorno.» — Dunque sta camariera stava sempre in bona co la signora.

  1. Compare de San Zuane, compare di battesimo.