Pagina:Leggende fantastiche popolari veneziane.djvu/23

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.


teribile, e lu el ciapa sta sporta e el core a casa disendo in fra de elo: zà che mia mugier xè da late, ghe porto anca questo, che la lo levarà e sarà quel che Dio vorà. Infati el va a casa co sto putelo e el ghe dise a so mugier: — «Ciò! varda che gò catà sto bambin drento in sta sporta.» — E ela ghe dise: — «Oh, cossa ve penseu? ghe n’avemo dei altri.» — Dise elo: — «Ben; tienlo, ch’el Signor ne provedarà, e daghe late.» — Infati, la ciapa sto bambin, la lo lava, la lo neta, la lo scalda, la lo infassa, la ghe dà la papa e pò la ghe dà late, e pò la lo mete in cuna arente a st’altro che la gaveva. Dopo la ciapa su e la va in cusina a far i fati sui. Co’ xè la sera vien a casa so mario e el ghe dise: — «Gastu dà da magnar a quel putelo?» — Dise ela: — « Sì! lo gò netà, lo gò infassà e pò gò dà late e pò lo gò messo in cuna arente al mio pissinin.» — Ghe dise so mario: — «Ben, andemo che vogio vedarlo.» — E i ciapa suzo e i va tuti dò in camara, e i varda in cuna e i cata le fasse vode senza el putelo. Dise el mario tuto imagà: — «Cossa che possa essar?» — Ela ghe risponde: — «Mi no ghe no sò. Ch’el fusse el Massariol?» Alora i va al balcon e i vede a la lontana uno, che el pareva un omo e no el giera un omo, che el ghe sbateva le man e el ghe rideva sul muso e el li sbufonava, con dirghe ch’el ghe l’à fata, e che la gà lavà el culeto, che la gà dà la papa, e che la gà dà

le tete; e pò i vede che, dal dito al fato, sto omo, che no giera omo, el sparisse1.

  1. Sul soggetto di questa leggenda, la buona popolana aggiunse queste altre particolarità:
    — «El Massariol ghe ne fava de tuti i segnati. De lo volte el se