Pagina:Le Rime Veneziane e Il Minuetto.djvu/202

Da Wikisource
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.
9


PANTALON DEI BISOGNOSI


Fio, recórdete ben: no aver mai furia.
Chi aspeta calmo poco tempo sta.
De comerçianti onesti gh'è penuria,
E presto o tardi vinçe l'onestà.

Badighe ai veci. Ai mii tempi la pratica
Valeva megio assae che la gramatica.

Come che à fato el pare fa anca ti,
E tira su i to fioi tuti cussì.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Le_Rime_Veneziane_e_Il_Minuetto.djvu/202&oldid=61284"