Pagina:La regata de Venezia (1845).djvu/32

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Oh che lusso! oh che grandezza!
     Oh che pompa sorprendente!
     Oh che sfarzo! Oh che richezza!
     24Oh che incanto sedusente!

Co gò visto sto coredo
     In quel sito preparà,
     Dal piaser, per quanto credo,
     28Sina in éstasi so andà.

Fato xè che quel Canal
     Cussì messo l'incantava;
     Circostanza, per la qual
     32Un gran gusto mi provava.

Se vedeva varie done
     In brilanti beli e boni;
     E moltissime persone
     36Messe in gala sui balconi.

Se vedeva su le porte,
     Su le rive, e sin sui copi,
     De la zente d'ogni sorte
     40Fissa in fola star a gropi.

Se vedeva che sta zente
     Esultando per la Festa,
     No mostrava certamente
     44D'aver altro per la testa.

Tuti infati stava atenti
     Aspetando quel cimento,
     E no i gera che impazienti,
     48Che vegnisse el bel momento.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:La_regata_de_Venezia_(1845).djvu/32&oldid=66156"