Pagina:La regata de Venezia (1845).djvu/29

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E nel tempo che durava
     Tute do quele funzion,
     Dio de cuor tuti pregava
     192Stando sempre in zenochion.

Questo gera, Barcaroli,
     De quel tempo el bel costume:
     Ve lo digo, boni fioli,
     196Ve lo scrivo a vostro lume.

E son certo che l'impegno
     Gavarè de far l'istesso;
     Che a modelo quel contegno
     200Ve starà nel cuor impresso.

Che imitando i vechi vostri
     De la Fede ne l'ardor,
     Vu altri istessi ai tempi nostri
     204Sempre più ve farè onor.

Che avarè tuti d'acordo
     Amicizia e devozion;
     E che fidi al mio recordo
     208Restarè in bona opinion.

Opinion dal vostro ceto
     Guadagnada per giustizia,
     E che 'l sia, ha portà l'efeto,
     212De Venezia la delizia.

Sta Cità, come vedè,
     Nel progresso fa dei svoli:
     Che indrìo staga non vorè
     216Solamente i Barcaroli.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:La_regata_de_Venezia_(1845).djvu/29&oldid=66149"