Pagina:La Venetiana.djvu/12

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


de sorbir dò vuovi de capon.

Venet. Ti è cusì doto? l'è pecao, che la forca nò deventa una stagiera per pesarte, e saver quanto val la tò dotrina.

Stefan. Eh, eh, eh.

Cocalin. Eh, eh, eh. Ohimei, ohimei, custia me fà crepar da rider; dì pur via, che'l xè da carneval.

Pach. Sì, sì, di pur via, mustazzo da romper ùn esercito de polmoni.

Stefan. Daghela, daghela Venetiana; mò via, che stastu à far?

Venet. Cosa voleu, che diga à sto zoco, da butar in pezzi dal tagia legne della Giustizia.

Cocalin. O bon, ò bon, ò bon.

Zaneto. Mo cari Signori, mi no credo, che se possa aldir più bel carneval de questo certissimo; mò cito, e vedo vegnir maschere.

Stefan. Sì le vedeu? certo giubilo tuto.

Zaneto. E le vedo senz'altro: e si le vien per stò canal.

Belina. O Signora Orseta aliegramente.

Orseta. Signora mi son tuta alegrezza.

Cocalin. Aldì, aldì i soni; criemo ancà nù tutti; Viva viva Carneval.

Stefan. Criemo. Viva Carneval. Viva Carneval; Viva, viva; ò quante barche, ò quante gondole infiorae, e infrascae de laurani, de olivi, de riose, e zensamini, e de moschete; nò par mo nel cuor de l'inverno, che semo da Primavera, tanto sti fiori someia al natural.

Venet. Capuzzi, le xè ben bele.

Pachie. Hastu Venetiana ochià quei Dolfini coi xè politi.

Cocalin. Tasi zo, là piegora; varda che le xe zonte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:La_Venetiana.djvu/12&oldid=69538"