Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/93

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Vanità, vanità! mogia, che cade?
     Che tante agiae? che ocor far tante salse?
     Sempre se troverà le cosse false,
     140Se'l contrario rason no' persuade.

Nasè st'altro melon: vel dago a tagio.
     O che odor! La zornà de l'ano prima
     El maschio incontro augurio bon se stima,
     144E la femina fà tristo presagio.

Se intenda de quei primi, che se cata
     Quela prima matina, e che se trova
     In strada, a puro caso. E questa è prova
     148Che xè stà forsi mile volte fata.

O che rare dotrine è in quele teste!
     O Dio, quanta meola! ò quanto sugo!
     Vaga per certi, che no' sà dir: tugo.
     152Gongolo pur, co' sento una de queste!

No' basta che le Femine i le creda,
     Come la Luna in Ciel, piene de machie,
     Che ancora i vuol farle parer Cornachie!
     156Dove xè sta rason? fè che la veda.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/93&oldid=62955"