Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/63

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Tuti hà giandusse, e cancari, che i magna,
     E ingiote (ve sò dir) boconi amari;
     E, se cresce l'intrae, cresce i dafari,
     100Tal ghe xè Babilonia, e par Cucagna.

O quante zò se manda in alte Case
     Pirole d'aloè, d'oro coverte!
     Quante la roba hà sepolture averte,
     104Prima del tempo, e sofegà la pase!

Rico sarà chi hà tanto, che ghe basta,
     E s'acomoda a far quel, che se puol;
     E mendico xè quel, che tuto vuol:
     108Ma a quel, che piase a Dio no' se contrasta.

Chi vive al Mondo è come quel, che i dai
     Traze sul sbarain, che'l ponto brama
     Favorevole sempre; e quel, che'l chiama
     112Vien rare volte, o no l'incontra mai.

Ziogar però bisogna, e tior quel liogo,
     Che dà la sorte. Industriosa, e brava
     Tira a la longa,e le cilele cava
     116Man, ch'è maestra, e spesso venze el Ziogo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/63&oldid=62922"