Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/62

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Sarà felice quel, che se contenta
     Del'esser soo, se ben mendico el fosse.
     L'Homo, che agiusta l'animo ale cosse,
     80Mai per aversità no se sgomenta,

Ma, se trova nissun, che del so' stato
     Se ne contenta? O questa è la gianduffa!
     Nosra ambizion, ti è pur la mala mussa!
     84Tuti vorave a tola el primo piato.

Tuti vorave haver la squela prima.
     Ciascun eser vorave el primo in balo,
     E, per alzar la cresta, come el Galo,
     88D'ogni altezza vorave ogn'un la cima,

E i sà pur che le Tore, e i Campanili
     Xè i primi bersagiai da le siete:
     E quanto più in grandezza altri se mete,
     92Gh'intra in la testa in mazor copia i Grili.

E pò no' n'è tut'oro quel, che luse.
     Quanti sereni se converte in piova?
     Quante pensae felicità se trova,
     96Che se converte in tante cave buse?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/62&oldid=62921"