Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/60

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che tante far vanissime querele,
     Co'l chiamarla incostante, infida, iniqua,
     Orba, sorda, crudel, de mente obliqua,
     40E le acuse mandar fin'a le stele?

No' diseu vù, che la Fortuna è orba?
     Come donca voleu che la ghe veda?
     Sarà la prima volta che suceda
     44Che daga un'Orbo bastonae, che sgorba?

L'è sorda, l'è incostante, la zavaria;
     L'usanze tute è natural, e vechie.
     Come puol ascoltar chi è senza rechie?
     48No' gh'è fermezza, onde natura è varia.

Per questo Apele l'hà depenta in pie:
     Perche Fortuna no' repossa mai.
     Come donca d'acuse un tananai
     52Podemio far? Matierie, e strambarie!

Haverave rason chi se dolesse
     Che fusse el Gato al sorze insidioso?
     Che ponzesse la spina? e velenoso
     56Che la Vipera in boca el dente havesse?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/60&oldid=62919"