Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/59

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Diga Plauto, che l'Homo è chiaro tanto
     Quanto Fortuna vuol. Diga Teofrasto
     Che'l rezer nostra vita e solo fasto
     20D'un'orba Dea, nò de saviezza è vanto.

Diga Ausonio, che a i beni de i Mortali
     Daga Fortuna nutrimento, e morte.
     Vanità, vanità! Nò n'è la sorte,
     24Ma xè Dio, che despensa i beni, e i mali.

Lassè pur ch'Anco Marzio, e Domizian
     Gh'ereza i Tempij, e come Dea l'adora,
     E l'undecima Casa in Cielo ancora
     28Ghe sia assegnà, come sà dir Marzian;

Che la Fortuna è un'acidente mero,
     Che vien, e và, senza cior via sugeto.
     Sia bon de la fortuna, o rio l'efeto,
     32Nostro e'l voler, se esaminemo el vero.

Ma via, quel, che volè, ve'l fazzo bon.
     Vogio che la Fortuna anca ghe sia:
     Ma, se la ve fà ingiuria, e vilania,
     36Perche la biastemeu? con che rason?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/59&oldid=62917"