Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/216

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


INDICE DE' SONETTI.


Che sia l'Avarizia d'ogni vizio il peggiore. Sonetto 1. C. 13 
Che'l vero Amico sia il miglior Amante d'ogni altro. Sonetto 2. C. 27 
Che deve da l'Huom savio sopra ogn'altra cosa pregiarsi la libertà. Sonetto 3. C. 43 
Che frà Mortali non v'è fortuna. Son. 4. C. 56 
Fragilità dell'humana vita. Sonetto 5. C. 71 
Sapiens dominabitur astris. Sonetto 6. C. 85 
A Consigliero importuno. Sonetto 7. C. 99 
Che vana è per il più l'opinione dell'honore. Sonetto 8. C. 114 
Non v'è perdita maggiore della perdita del tempo. Sonetto 9. C. 129 
A lingua maledica. Sonetto 10. C. 145 
Vanità de gli Amanti. Son. 11. C. 160 
Condizione de gli Ammogliati. Son. 12. C. 183 
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/216&oldid=62878"